.
 
IndiceFAQCercaRegistratiLista UtentiGruppiAccedi

Condividi | 
 

 generale

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Sici
Admin
avatar

Numero di messaggi : 795
Data d'iscrizione : 15.07.07

MessaggioTitolo: generale   Gio Mar 06, 2008 7:35 pm

Oggetto: Their Satanic Majesties Request Mar 31 Lug 2007 - 12:11

--------------------------------------------------------------------------------

Pubblicità

So bene che vado contro corrente e che potrei anche "rompere", ma è un
po' di tempo che mi ritorna in mente quello che per me è l'album più
sottovalutato della storia del Rock: Their Satanic Majesties Request.
D'accordo, si tratta di un esperimento poi abbandonato, uscì in un
momento assolutamente sbagliato... tutto contro. Però, che volete che
vi dica, a me è sempre piaciuto tantissimo. Non vi propongo di
analizzarlo come GYYYO, ma che ne dite di prenderlo in considerazione
di tanto in tanto?
Stefano


Gomper
La fantasma "clocharde"

Nei pressi del lago dove crescono i fiori di lillà
Lei guazza nel trascorrere della sera
Scivola avanti e indietro soavemente
Se ne va via sulla vetrosa superficie dell'acqua

Nuota fino alla riva
Ma il sole la vede asciutta
Alto nel cielo si libra un volo d'uccelli
Mentre io vorrei trattenere un grido

Alto nel cielo si libra un volo d'uccelli
E lei geme sospirando.


The Lantern

Già nella nostra vita presente
Noi abbiamo saputo che gli astri avevano ragione.
E se sarai tu la prima ad andartene,
Lasciami un segno in modo che io sappia,
Dimmelo così.
Ti prego, porta con te le luci della Lanterna

Hai attraversato il mare della notte,
Libera dalla maledizione della paura
Ti ammanti col velo dello spirito.
Mi sveglierai nell'ora del riposo,
Come una nuvola.
Ti prego, tieni alta la Lanterna.

Io nella mia disperata sventura,
Tu nell'attesa di ogni notte.
Sul mio viso il pallore della morte:
Tu mi parli attraverso il tuo velo
E io posso sentire il tuo lamento.
Ti prego, porta con te la luce della Lanterna.

I servitori dormono
Le porte sono sbarrate
Tu senti che il mio cuore si ferma – non ci separiamo mai
Ti prego, tieni alta la Lanterna

Stefano



vanni




Registrato il : 16/07/07
Messaggi : 639

Oggetto: Re: Their Satanic Majesties Request Mar 31 Lug 2007 - 12:12

--------------------------------------------------------------------------------

Aaaaaargh! Stefano,
e con questo riapriremo un'altra delle faide ataviche. Questo è un
disco che ha diviso un po' tutti i fans a cominciare da quelli qui
dentro. Sai le discussioni che ci abbiamo fatto, si sono distrutte
amicizie, rovinate relazioni, astii mai sopiti, vendette private.

Dai, che ormai ci conosci! prova a dire chi di noi si schiera fra
quelli che lo considerano un capolavoro e chi una chiavica.

Poi ne parliamo e vediamo chi le spara più grosse.

vanni



vanni




Registrato il : 16/07/07
Messaggi : 639

Oggetto: Re: Their Satanic Majesties Request Mar 31 Lug 2007 - 12:13

--------------------------------------------------------------------------------

eh, la Madonna! Si tratta davvero di un argomento così delicato? Non
voglio sicuramente scatenare una Terza Guerra Mondiale, ma mi sembrava
che anche i dischi considerati "minori", essendo pur sempre musica
degli Stones, meritassero un po' di attenzione... Ho volutamente messo
una mia traduzione di due pezzi proprio per farne risaltare la
innegabile poesia, ma lungi da me l'idea di polemizzare, e se questo
dà fastidio, mi ritiro in buon ordine! ...ma mi par di capire che
anche tu sei fra quelli che apprezzano quel lavoro! Poi MarX e AlBert
sopporteranno per amicizia, no?
Stefano



vanni




Registrato il : 16/07/07
Messaggi : 639

Oggetto: Re: Their Satanic Majesties Request Mar 31 Lug 2007 - 12:13

--------------------------------------------------------------------------------

ma figurati se dà fastidio; ho solo preso spunto dal tuo post per
lanciare una provocazione a qualcuno dei nostri amici che considera
il TSMR una delusione. Per me è eccezionale e l'unico appunto che gli
posso fare è che gli stessi stones e la decca non lo considerarono
con l'attenzione che meritava. Mi ricordo un'intervista di Jagger
nella quale praticamente lo mise fra i lavori che gli piacciono meno;
in Italia il disco non arrivò fino mi sembra al 79. Io mi procurai ai
tempi una copia di importazione ma ascoltai il Satanic dopo il
Beggars con evidenti differenti gradi di entusiasmo.
In Italia arrivarono invece i singoli: We love you /Dandelion (che
non erano nememno sul TSMR) Rainbow/2000 LYFH e a ruota Jumpin Jack
Flash e arrivarono i dischi "psichedelici" degli altri gruppi
(Ogden's Nut gone Flake, Twain Shall meet, Village Green Preservation
Society, Sgt. Pepper's) e molti cominciarono, grazie a questi dischi,
a spararsi Pink Floyd a manetta.
Ho sentito dire da alcuni che il TSMR è il disco di Brian, niente di
più sbagliato. Brian non lo reggeva ed anzi cominciò a pensare
seriamente di mollare la band anche se è innegabile che prese
l'occasione per cimentarsi con quella miriade di strumenti musicali
che aveva collezionato.
La mia personale opinione è che per apprezzare il TSMR bisogna
ascoltarlo tutto insieme e non sezionarlo brano per brano. La
bellezza del sound la catturi se ti culli in una "In another land"
senza togliere la puntina dello stereo dopo "Citadel".
A parte i due brani Rainbow e 2000LYFH che vennero selezionati per il
singolo, trovo stupenda On with the show, uno dei miei brani
preferiti in assoluto (non dell'album ma della band) che pagherei per
sentirla fare on stage, Lantern e 2000 Man ed infine quella chicca
del Cosmic Christmas alla fine del disco.
Come si fa a non ascoltare Rainbow senza pensare a quelle femme
fatale che passeggiavano per Carnaby Street ai tempi della Swingin'
London e non provarne nostalgia?
Un altro discorso poi riguarda la grafica della copertina e le
diverse edizioni che ne vennero fatte: per la cronaca ho a casa una
trentina di vinili del Satanic, fra cover tridimensionali e non.
Infine, è innegabile che l'album abbia la pecca di fare troppo il
verso al Pepper, ma allora anche i dischi di Small faces, Animals e
Kinks che ho elencato sopra e comunque, per quanto mi riguarda a me
piace di più il Satanic e potrei scriverci sopra ma quando avrò più
tempo.

vanni



vanni




Registrato il : 16/07/07
Messaggi : 639

Oggetto: Re: Their Satanic Majesties Request Mar 31 Lug 2007 - 12:14

--------------------------------------------------------------------------------

una nota per aggiungere che farei senz'altro un torto se non
menzionassi fra gli album del 67 Sell Out degli Who con il brano I
can see for miles e il capolavoro di Hendrix Bold as love. In
definitiva nel 67, insieme con il concerto di Monterey, arrivarono
dei dischi superlativi. Fu senza dubbio un anno prolifico e che segnò
una svolta per quanto riguarda il rock; aggiungerei che si fece anche
pulizia di tanta robaccia che aveva invaso il mercato negli anni
precedenti.

vanni



vanni




Registrato il : 16/07/07
Messaggi : 639

Oggetto: Re: Their Satanic Majesties Request Mar 31 Lug 2007 - 12:14

--------------------------------------------------------------------------------

de gustibus...
comunque mai detto che il satanic non mi piace...l'ho ascoltato.
poi, ovvio, non riesco a lasciarmi andare a ricordi nostalgici...semplicemente perchè nel '67 non ero ancora nato.
ed è per questo che apprezzo di più addirittura uno steel wheels...perchè la zampa di keith mi fa godere. e nel '67 non si era ancora raffinato, affinato...
se poi vogliamo fare un' analisi storica, solo un fesso potrebbe dire che il satanic non è stato importante, per la storia e per gli stones.
al bert



vanni




Registrato il : 16/07/07
Messaggi : 639

Oggetto: Re: Their Satanic Majesties Request Mar 31 Lug 2007 - 12:15

--------------------------------------------------------------------------------

no Albert, fermo restando che ovviamente non si discute sui gusti, il
mio apprezzamento non viene solo da strane nostalgie, ma proprio da un
giudizio di valore, personalissimo, ma di valore. Io credo che tu non
potrai mai capire a fondo l'era del Beat prima e della Psichedelia poi
esattamente come io non capirò mai quella del Rock & Roll. Ma non è un
modo "stronzo" per dirti che non puoi intervenire, bada bene, non lo
userei mai! E sarebbe davvero singolare che mi mettessi a riservare la
comprensione della musica ad una ristretta cerchia di adepti... non
sta proprio nelle mie corde. Però io ho visto spesso che non posso
condividere le emozioni dei primi rocker, perché per loro quei pezzi
non sono mai stati soltanto musica, ma aggregazione sociale,
ribellione, voglia di conquista di una nuova dimensione e di una nuova
era... esattamente quello che successe più tardi per quei generi che
ti ho detto sopra! Spesso ebbi modo di parlare con Kim Brown e Mick
Webley (membri dei Renegades prima e dei Kim And The Cadillacs poi):
l'aura che per loro c'era attorno a brani come Great Balls Of Fire,
Lucille, Summertime Blues, Be Bop A Loola ecc. ecc. e soprattutto il
loro modo di suonarli, erano cose che potevo percepire, ma che in
fondo mi erano precluse. TSMR, per altri versi, è qualcosa di simile:
è la dichiarazione che anche gli Stones sentivano i tempi in cui
vivevano, è la dimostrazione che anche loro hanno fatto un gran lavoro
di ricerca, che i loro testi non sono solo verbalizzazioni senza
senso, che la musica non stava dentro scatole o confini di sorta...
poi si evolsero, poi affinarono una sensibilità ed un sound ben
precisi, poi imboccarono quella strada che ancora oggi stanno seguendo
e che è quella che piace a te come a me. Ma non è che i primi Renoir
siano da buttare perché troppo cupi e di maniera, o che i Macchiaioli
siano da scartare di fronte al movimento impressionista... poi,
ovviamente, una cosa piace o non piace e non c'è nulla da fare, ma
riconosciamo almeno lo stato di interessante ad un esperimento che, lo
si voglia o meno, segno un'epoca.
Con affetto
Stefano
PS
Vanni, com'è che a Venezia quell'album arrivò giusto rispetto ai tempi
della sua pubblicazione ufficiale? Mi sa che il negozio che
frequentavo, certo Brancaleon in Calle Della Bissa, aveva delle strane
vie di importazione...



vanni




Registrato il : 16/07/07
Messaggi : 639

Oggetto: Re: Their Satanic Majesties Request Mar 31 Lug 2007 - 12:16

--------------------------------------------------------------------------------

forse mi sono spiegato male; il disco arrivò subito in italia ma
d'importazione. La Decca non fece la stampa Italiana fino alla fine
degli anni 70 (forse nel 7. Calcola che io cominciai a comprare
dischi degli stones nel 66-67 e potevo permettermi solo i singoli e
di seconda mano comprati sulle bancarelle. A Natale o al mio
compleanno mi regalavano gli LP che costavano quasi 3000 lire (le
30.000 di oggi, anzi i 30 euro?). Per farla breve, al tempo delle
scuole medie la mia collezione Stones consisteva dei singoli da
Satisfaction in poi, la maggior parte senza copertina, di Aftermath,
Buttons, del Big Hits e Beggars ed era già un bel pacchetto per quei
tempi. Avevo anche Revolver e Animalism + il 45 giri di For Your love
degli Yardbirds che era richiestissimo alle feste.
I miei non sarebbero certo andati in negozi specializzati a cercarmi
un disco d'importazione da 4.500-5000 lire. Così il satanic lo
comprai io anni dopo ma avevo una cassetta che mi ero copiato dal
solito amico danaroso col padre che gli portava i dischi dagli USA.
Che tempi! Questo tizio aveva una collezione di Beatles ed Hendrix
tutti americani con quelle copertine in cartone spesso; sognavo di
andare a casa sua di notte e fregargli tutto.

vanni



vanni




Registrato il : 16/07/07
Messaggi : 639

Oggetto: Re: Their Satanic Majesties Request Mar 31 Lug 2007 - 12:17

--------------------------------------------------------------------------------
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://honkytonkcircus.forumattivo.com
Sici
Admin
avatar

Numero di messaggi : 795
Data d'iscrizione : 15.07.07

MessaggioTitolo: Re: generale   Gio Mar 06, 2008 7:36 pm

Registrato il : 16/07/07
Messaggi : 639

Oggetto: Re: Their Satanic Majesties Request Mar 31 Lug 2007 - 12:17

--------------------------------------------------------------------------------

Il fatto è che dovremmo dedicarci pagine e pagine e non bastano due
note come quelle che ho scritto; il Satanic compie 40 anni quest'anno
e dovrebbe essere l'occasione per ascoltarlo con la dovuta attenzione.
Micrea sconcerto che alcuni stoniani doc lo considerino
una "fetenzia" secondo me perchè non l'hanno mai ascoltato ed
analizzato come merita. Non sono nemmeno d'accordo sul Keith meno in
evidenza rispetto ad altri album; certo dovremmo aggiungere al
Satanic quella immensa raccolta di ben 8 CD delle satanic sessions
per vedere come ognuno dei membri della band contribuì al risultato
finale e vi posso assicurare che in quel cofaneto Keith si sente
eccome.
Inoltre è il primo album al quale partecipano sessionmen di tutto
rispetto: da John Paul Jones a Ronnie Lane e Steve Marriott degli
Small Faces a Hopkins e, anche se non distinguibili al Macca e Lennon
nei cori. L'unico assente è Jimm Page che però contribuì nello stesso
periodo con Brian al Degree of murder (ed infatti è incluso nel
cofanetto).
Voi direte: kissenefrega, è un album che non ha nienete a che fare
con gli stones, con il loro sound, è anomalo. Ritengo invece che sia
un proseguimento di certe sonorità presenti in Aftermath e mi
riferisco a Goin'home e a Paint it black, alla Something happened to
me del Between Buttons, sonorità che in questi solchi erano ancora in
una fase embrionale e che sono maturi nel Satanic anche grazie
all'apporto dei sessionmen su elencati. E queste sonorità le
ritroviamo anche dopo, negli outtakes del Beggar's contenute nei vari
bootlegs delle registrazioni degli Olympic, mi riferisco a Family, a
I don't know why, a Goin' Down, a Downtown Suzie.
Che ne pensate?

vanni



vanni




Registrato il : 16/07/07
Messaggi : 639

Oggetto: Re: Their Satanic Majesties Request Mar 31 Lug 2007 - 12:17

--------------------------------------------------------------------------------

vanni...
non ho le satanic session e immagino sia una lacuna abbastanza
grave. chiederò lumi a san cecco...se le ha mi farò fare copia.
fino ad
ora tutte le session che ho avuto modo di ascoltare si sono rivelate di
un interesse enorme. perchè spesso, come dici tu, si capisce la genesi
che ha avuto un pezzo.
poi fino a poco tempo fa consideravo il satanic
un prodotto soprattutto di brian...cosa sbagliatissima, anzi, brian si
lamentava riguardo l'allontanamento dal blues.
quindi da oggi
riascolterò il satanic con altra ottica.
certo che rimango
dell'opinione che il sound più caratteristico degli stones sia quello
dalla scoperta dell'open G in poi...
al bert



vanni




Registrato il : 16/07/07
Messaggi : 639

Oggetto: Re: Their Satanic Majesties Request Mar 31 Lug 2007 - 12:19

--------------------------------------------------------------------------------

Albert ne stanno parlando anche su iorr e ci sono foto di keith al
Vox Conqueror. Fatti un giro qui:

http://www.iorr.org/talk/read.php?1,703238


credo apprezzerai e mi puoi dare qualche informazione in+.

vanni



vanni




Registrato il : 16/07/07
Messaggi : 639

Oggetto: Re: Their Satanic Majesties Request Mar 31 Lug 2007 - 12:19

--------------------------------------------------------------------------------

Caro Vanni, io credo che il discorso sia talmente ampio che ben
difficilmente potrà essere esaurito in poche righe, anche se
approfondite. Per capire il senso (e anche il valore) di quell'album,
secondo me bisognerebbe rifarsi a ciò che era Londra in quell'anno.
Come mi sembra tu stesso hai sottolineato TUTTE le band che contavano
qualcosa si erano date alla sperimentazione e alla ricerca di nuovi
sound nell'ambito della psichedelia più o meno accentuata. C'era una
specie di febbere nell'aria nel '67, il trend generale andava in
quella direzione... e non è che gli Stones abbiano seguito una moda o
che fossero influenzati dagli altri: semplicemente vivevano
pienamente il loro tempo ed il loro ambiente e ne riflettevano le
atmosfere. Che si tratti di un esperimento una tantum, è la storia
stessa che ce lo dice, ma che si tratti di qualcosa che siano stati
"forzati" a fare e che non fosse musica da loro partorita e voluta
non mi pare proprio! E non mi sembra nemmeno che sia un disco voluto
da Brian solamente,nonostante il suo evidente apporto: le
composizioni sono comunque Jagger-Richards e non è nemmeno pensabile
che i Glimmer abbiano accettato supervisioni o direttive da loro non
pienamente condivise. Rimane poi un giudizio di valore, e questo è
sicuramente opinabile, ma ci sono parecchi estimatori di quell'opera
anche all'esterno della cerchia dei fan.
Stefano



vanni




Registrato il : 16/07/07
Messaggi : 639

Oggetto: Re: Their Satanic Majesties Request Mar 31 Lug 2007 - 12:20

--------------------------------------------------------------------------------

Sì, li conosco quegli ampli, e ne ho avuto uno anch'io che poi
cambiai in un Vox Supreme: c'era dentro un distorsore oltre agli
altri usuali effetti... una chiavica allucinante! Ampli potentissimi,
ma a TRANSISTOR, nulla a che vedere col glorioso AC30 e i suoi
overtones!

stefano



vanni




Registrato il : 16/07/07
Messaggi : 639

Oggetto: Re: Their Satanic Majesties Request Mar 31 Lug 2007 - 12:20

--------------------------------------------------------------------------------

Forse un giorno dovremo con l'aiuto tuo, di Stefano e degli altri,
illuminarci a vicenda su cosa riteniamo essere il sound degli stones.
Non sei stato tu quando uscì il Bigger Bang a scrivere che il blues
di Back of my hands era il tuo pezzo preferito?
Questi Signori, in 45 anni, hanno percorso l'universo dei generi che
si sono avvicendati sulla scena, dal Blues al R&B, al progressive, al
psychedelic, al reggae, al punk, alla disco, al soul, al country, al
C&W...
Non voglio anticipare nulla al riguardo ma credo che ognuno di noi, e
qui sono d'accordo che conti l'età o comunque il vissuto, ha
sviluppato una predilezione per alcune sonorità e quindi per
qualunque loro produzione rimane immediatamente colpito da certi
brani e non da altri.
Sarebbe interessante prendere ogni LP e ognuno di noi scrive il brano
che assimilò per primo: se ti dico i miei sono sicuro che saranno
diversissimi dai tuoi come lo sono per Chris, Stefano o Marco.
A quel punto credo che capiresti, anche se probabilmente lo sai già,
qual è il "tuo" sound e ti renderesti conto che altri ascoltano con
un orecchio differente, salvo poi ritrovarci tutti a concludere che
tutto è sublime, perfetto e impareggiabile.
Ma, ribadisco, credo proprio che ognuno di noi viva questa band a
modo suo e in maniera molto soggettiva, il che è caratteristico di
questa band e non di altre, per via della immensa produzione e per
via dell'aver avuto il coraggio di rinnovarsi continuamente, seguendo
la scena, a volte anticipando, comunque mai trincerandosi nei propri
schemi.
anche se... gli Stones li becchi sempre, dopo due note, li becchi
anche se partecipassero alla saga del liscio, al coro degli alpini o
a canti delle mondine. Altrimenti non saremmo degni di essere qui
all'HTC.

vanni



vanni




Registrato il : 16/07/07
Messaggi : 639

Oggetto: Re: Their Satanic Majesties Request Mar 31 Lug 2007 - 12:21

--------------------------------------------------------------------------------

sinceramente, il TSMR, è tra gli album più difficili per quanto mi riguarda..
leggendo quello che state scrivendo in questi giorni, credo però che il mio "problema" (sempre che di problema si tratti), è che essendo relativamente giovane (ho 31 anni), la discografia degli stones l'ho vissuta in blocco, e soprattutto non in maniera cronologica. sono arrivato agli stones quando gran parte del loro lavoro era stato fatto, ed ho associato il loro sound in base a quello che è il mio gusto musicale.
diverso è avere vissuto gli album nel momento in cui sono usciti; con l'ambiente, la società e le evoluzioni dell'epoca, tutte cose che rendono ad alcuni di voi più comprensibili album come questo appunto.
è molto importante avere informazioni da parte vostra che mi aiutano a comprendere il contesto, soprattutto di un disco come il TSMR.
probabilmente per quello che ho scritto, resta il fatto che è uno di quei dischi che fa più fatica a prendermi.
ciao

bardo
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://honkytonkcircus.forumattivo.com
colditalianpizza

avatar

Numero di messaggi : 173
Data d'iscrizione : 16.07.07

MessaggioTitolo: Re: generale   Ven Mar 07, 2008 12:14 pm

e che è? anfetamina andata a male? un acido mal digerito? scherzo? mica tanto! a me, come agli stones (ragazzi ho scritto stones!), il disco non piace e non credo sia questione anagrafica. per me avevano smarrito il cammino, quello del blues e del r'n'r, le correnti musicali che più mi affascinano anche se riconosco che qualche buona canzone ci sia. è forse l'unico disco che non ho ricomprato in cd (l'ho solo in vinile) e può essere la ragione principale del perchè lo senta meno ... mio. ho sentito qualche outtake e non mi convince. se poi ascolto il beggars banquet mi convinco che gli stones di TSMR erano, diciamo, smarriti. ok, era il tempo della sperimentazione, dell'allargamento dei confini della mente, del flower power e quindi valeva tutto, anche che keith rilasciasse interviste dove sosteneva di aver visto gli ufo nel suo giardino ... bella invece la copertina.
mi piacerebbe ascoltarlo con vanni ad es. e mi facesse capire dove il disco è bello e perchè.
ciao
marX
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
vanni



Numero di messaggi : 1248
Data d'iscrizione : 16.07.07

MessaggioTitolo: Re: generale   Dom Ago 03, 2008 11:28 am

Molto interessante quello che emerge da IORR dove stanno ascoltando con meticolosa attenzione gli outtakes del TSMR:

A short listening session this evening: this is what can be heard on the outtakes of some Majesties tracks:

Citadel

Drums: Charlie Watts
Bass: Bill Wyman
Electric guitar: Keith Richards
Glockenspiel (? The high pitched “ping”): Mick Jagger
Shaker: Mick Jagger
Mellotron (Mandolin): Nicky Hopkins
Mellotron (strings): Nicky Hopkins
Mellotron (brass): Nicky Hopkins
Piano: Nicky Hopkins
Harpsichord: Nicky Hopkins


2000 Light Years from Home (Toffee Apple)

Electric guitar: Keith Richards
Bass: Bill Wyman
Drums: Charlie Watts
Mellotron (strings): Brian Jones
Shaker: Mick Jagger

We Love You

Piano: Nicky Hopkins
Bass: Bill Wyman
Electric guitar: Keith Richards
Mellotron (brass): Brian Jones

She’s Like a Rainbow (Flowers in your Barnett)

Piano: Nicky Hopkins
Acoustic guitar: Keith Richards
Tambourine: Mick Jagger
Congas: Mick Jagger
Mellotron (Brass): Brian Jones
Drums: Charlie Watts
Bass: Bill Wyman

Child of the Moon
Acoustic guitar: Keith Richards
Drums: Charlie Watts
Vocals: Mick Jagger
Bass: Bill Wyman
Piano: Nicky Hopkins

In Another Land

Harpsichord: Nicky Hopkins
Bass: Bill Wyman
Drums: Charlie Watts
Piano: Nicky Hopkins
Acoustic guitar: ?
12 string acoustic guitar: Steve Marriott ?
Mellotron (flutes): Nicky Hopkins


Faccio notare che, come avevo scritto a suo tempo, l'apporto di Brian al TSMR è praticamente insignificante.
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Sici
Admin
avatar

Numero di messaggi : 795
Data d'iscrizione : 15.07.07

MessaggioTitolo: Re: generale   Mer Ott 01, 2008 1:18 am

colditalianpizza ha scritto:
e che è? anfetamina andata a male? un acido mal digerito? scherzo? mica tanto! a me, come agli stones (ragazzi ho scritto stones!), il disco non piace e non credo sia questione anagrafica. per me avevano smarrito il cammino, quello del blues e del r'n'r, le correnti musicali che più mi affascinano anche se riconosco che qualche buona canzone ci sia. è forse l'unico disco che non ho ricomprato in cd (l'ho solo in vinile) e può essere la ragione principale del perchè lo senta meno ... mio. ho sentito qualche outtake e non mi convince. se poi ascolto il beggars banquet mi convinco che gli stones di TSMR erano, diciamo, smarriti. ok, era il tempo della sperimentazione, dell'allargamento dei confini della mente, del flower power e quindi valeva tutto, anche che keith rilasciasse interviste dove sosteneva di aver visto gli ufo nel suo giardino ... bella invece la copertina.
mi piacerebbe ascoltarlo con vanni ad es. e mi facesse capire dove il disco è bello e perchè.
ciao
marX

Non è vero che non piace agli Stones, il fatto è che dopo il Satanic hanno infilato un poker d'assi in studio e il GYYYO;il Satanic è rimasto un pò compresso.
A mio parere ha due capolavori, She's a Rainbow e The Lantern, altre due ottime canzoni come le lisergiche In Another Land e 2000 LYFH,una buona canzone come Citaldel, due felici esperimenti come Sing this song e Gomper, una canzone nettamente al disotto, 2000 Man.
One with the Show e la degna conclusione, avanti con lo spettacolo, l'unica canzone che non fa riferimenti agli esperimenti dell'LSD, la porta di Beggars Banquet e della svolta satanica.
We 'll bid you all found adieu, cioè chiudiamo la porta e Please to meet you, piacere di riaprirla, di conoscervi.
Sici
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://honkytonkcircus.forumattivo.com
Briano



Numero di messaggi : 79
Data d'iscrizione : 23.03.09

MessaggioTitolo: Re: generale   Gio Nov 05, 2009 6:49 pm

Sto ascoltando anche io con attenzione i brani out del Satanic. Mi potete linkare la discussione di IORR?
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
vanni



Numero di messaggi : 1248
Data d'iscrizione : 16.07.07

MessaggioTitolo: Re: generale   Mer Nov 11, 2009 10:41 pm

Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: generale   

Tornare in alto Andare in basso
 
generale
Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» [Sanremo 2015] Generale
» per i vostri bambini
» [XF8] Generale
» [XF6] Generale
» AMICI 11 - Generale

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: Their Satanic Majesties Request-
Andare verso: